AMBIENTE CARSICO

Il Carso è un mondo di fenomeni di rilievo, d’acqua e ipogei speciali, che si sono formati nei lunghi periodi geologici su rocce idrosolubili. Una delle caratteristiche principali di questa zona è il flusso d’acqua sotterraneo: fessure calcaree abbastanza grandi permettono all’acqua di penetrate profondamente nell’interno. Nel Carso non ci sono corsi d’acqua subaerei. L’intera zona è caratterizzata dal rilievo movimentato con doline carsiche e uvale, la specifica argilla rossa (terra rossa), la bora e la siccità. La terra rossa si forma dal residuo insolubile non carbonato di calcari e dolomiti. Sull’argilla rossa, pesante e poco profonda, prosperano i vigneti di refosco, dai quali otteniamo il terrano. L’agricoltura nell’altopiano carsico è stata sempre difficile e impegnativa, di cui sono ancora oggi testimoni le scarpe e i muretti in pietra costruiti a secco per ripararsi dalla bora. Grazie al clima favorevole lo sforzo dei contadini è stato riccamente premiato. Il Carso è una regione notevolmente confinante; si trova vicino al mare, tuttavia le influenze mediterranee la raggiungono difficilmente, invece dall’altra parte è circondata da altopiani alti, dai quali provengono le influenze del clima continentale. Gli inverni nel Carso sono asciutti e freddi. Il mese più freddo è gennaio, quando la temperatura media mensile varia tra 1,6 e 2,8 °C. Le estati sono calde e secche con brevi acquazzoni.

Il precoce popolamento del Carso e la favorevole posizione strategica sembrano apparentemente un buon punto di partenza per lo sviluppo dell’agricoltura, ma in realtà nella zona c’è poco terreno coltivabile. L’uomo e la natura hanno creato in collaborazione uno dei paesaggi architettonici più straordinari.

Il progetto Agrotur si propone di analizzare l’impatto dell’agricoltura sull’ambiente, ed effettuare il monitoraggio dei residui di prodotti fitosanitari e dei metalli pesanti nelle acque e nel suolo. Eseguiremo inoltre una ricerca sulla gestione del confezionamento di mezzi agricoli di protezione nelle aziende agricole, ed istituiremo un sistema per il riciclaggio del confezionamento di mezzi di protezione con durata d’utilizzo scaduta, il che migliorerà la tecnologia viticola ecologica già esistente.